Film

Fast and Furious 9, l’eccesso e la retorica dell’ignoranza [ANTEPRIMA]

Mi voglio male. Sono andato a vedere Fast and Furious 9 in anteprima al cinema. E qui, per la prima volta, abbiamo la dimostrazione empirica di tutti gli effetti deleteri di questa pandemia.

fast and furious 9
Rara foto di me che combatto col guilty pleasure.

Penso che parlare male di Fast and Furious sia un po’ passato di moda. E poi diciamocelo: è anche un po’ troppo facile.

Cioè che senso ha mettersi qui ad analizzare tutte le incongruenze, gli obbrobri, le schifezze di sceneggiatura e quant’altro? Questa è una saga che non ha già più nulla da dire da molto tempo? Sì. È una saga che ogni volta tira fuori dal cappello una storia personale improbabile legata a qualche personaggio per innescare una trama stupida e assurda a livelli ancestrali? Sì. È una macchina per far soldi? OH, SÌ. E quindi non ha più senso parlarne o guardare i film?

ASSOLUTAMENTE NO.

Però dai, questa volta cerchiamo di parlare di Fast and Furious 9 senza prenderlo per una bestemmia cinematografica insulsa – che ovviamente è, nella sua più intima essenza – e prendiamolo per quello che vuole essere: un film di intrattenimento senza pretese.

fast and furious 9
Un’ebbrezza che provi solo durante il miglior sesso.

Per una volta è vero.

La cosa che a mio parere è sempre stata sbagliata nella saga di Fast and Furious è quell’alone di profondità con cui i registi di volta in volta hanno cercato di ammantare i film. Ci sono due eccezioni a quest’aspetto: Fast and FuriousFast and Furious 7.

Il film inaugurale della saga poteva permettersi di prendersi più sul serio banalmente perché era il primo film. I personaggi avevano storie da raccontare ed erano tutti da scoprire. E comunque il tono dei primi film era tutto fondato sul valore portante che regge (male) tutta la saga: la sacralità della famiglia.

Poi è arrivato The Rock e i bicipiti che squarciano i gessi.

Fast and Furious 7 invece è diretto da James Wan, che è stato il primo a capire che tutta quella seriosità artefatta che, appunto, da dopo l’arrivo di The Rock appesantiva eccessivamente i capitoli della saga, andava eliminata. E quindi mettiamocela un’auto che salta da un grattacielo all’altro cadendo con più stile di Buzz Lightyear AAAAA SÌÌÌÌÌ NE VOGLIO DI PIÚ!!!

Avete capito cosa intendo no? Non che nei precedenti capitoli non ci fossero robe folli, per carità, ma da James Wan in poi mi pare si sia capito che la chiave era l’eccesso. E quindi in Fast and Furious 8 si sfreccia velocissimi con auto che pesano più della coscienza su un ghiacciaio.

E poi siamo arrivati a Fast and Furious 9.

VISTO CHE È UN’ANTEPRIMA VI INONDERÒ DI SPOILER

fast and furious 9
Sìsì, avete visto bene.

Se avete visto il trailer, sostanzialmente conoscete già la trama. La premessa è che Dominic Toretto ha un fratello. Così, senza senso. Immediato plot twist: è un cattivone. MA CHI L’AVREBBE MAI DETTO!

Manco a dirlo, nel finale il fratellino cattivo avrà la sua redenzione e tutti amici e famiglia come prima. Grandi ragazzi, siete i nostri eroi preferiti.

Quest’elemento innesca una serie di flashback che il film alterna alle scene ambientate nel presente. Devo dire che i flashback sono la parte migliore del film. E ‘stavolta non scherzo. Ci hanno messo giusto quel pizzichino di impegno in più per sporcare l’immagine e darti la percezione che fossero fotogrammi del passato, perché effettivamente è come se stessimo rivivendo i ricordi di Dom. Certo, è una cosa che fai tranquillamente con un effetto di Retrica, ma apprezziamo lo sforzo. Ma ve lo ricordate Retrica? Sto iniziando a invecchiare.

Cazzate a parte, i flashback svolgono la funzione drammatica della sceneggiatura e, di nuovo, sono apprezzabili. Nei limiti della decenza, ovviamente.

La cosa molto azzeccata di questo Fast and Furious 9, però – almeno secondo me – è che la trama serve solo come contorno narrativo in cui ambientare le follie più assurde.

E lo ammetto regà: mi è piaciuto. Cioè io Fast and Furious 9 me lo rivedrei con gusto. Facendo sicuramente finta di non aver visto i primi 5 capitoli almeno 5 volte l’uno. Capitemi, c’è un legame affettivo, li vedevo da piccolo.

Penso che questo sia l’articolo che compromette per sempre il mio futuro da critico cinematografico.

john cena
Lo sguardo severo di John può bastare.

Probabilmente ha più senso che vi racconti la serie di pazzie che ci sono in questo film, più che stare qua a dirvi cosa funziona e cosa no. Sostanzialmente non funziona nulla, in particolar modo il montaggio, che sarebbe uscito meglio con Windows Movie Maker manovrato da un neonato podalico prematuro. Perché podalico e prematuro? Vi ringrazio per queste domande.

Ho apprezzato in particolar modo l’autoironia messa in gioco.

Al di là del fatto che Fast and Furious 9, a differenza degli altri capitoli, non si perde in inutili preamboli e quello va da quella che poi va a cercare quell’altro, vieni? no, dai, non ho voglia, ma sì dai che ti diverti, eh ma sai c’ho il mutuo da pagare e l’orto da curare. No. Qui arrivano Roman, Tej e Ramsey: c’è un problema, andiamo? Dom dice no, Letty dice dai, Dom accetta e si parte a far esplodere tutto quello che può esplodere.

Alla fine di una delle prime sequenze Roman, dopo una sparatoria 15 contro 1, si salva per miracolo da un blindato che gli precipita in testa cadendo su una mina antiuomo che fa esplodere tutto ciò che ha attorno tranne Roman. Tej, vedendolo vivo, gli si rivolge così: “Come cazzo fai a essere vivo?”.

ESATTO. È proprio quello il punto. Finalmente hanno capito che i personaggi di Fast and Furious sono sostanzialmente dei supereroi. E ci scherzano sopra. POESIA.

roman

Una cosa fatemela dire. La recitazione. Che ridere.

Tutti, ma proprio tutti, recitano di un male che mi porta a pensare che si siano impegnati per fare così schifo. Al di là dei soliti personaggi a cui ormai siamo abituati, ma raga recita malissimo anche Charlize Theron, che si limita a muovere le labbra e in una scena si sforza tantissimo e riesce addirittura a camminare.

Tra l’altro gli scontri verbali tra lei e John Cena sono molto piccantini. Soprattutto quando parlano di Yoda e lei, paragonandolo al maestro Jedi, dice che non è un complimento, perché Yoda era un burattino. La battuta non ha nessun senso, nessun tempo comico, ma proprio per la sua assurdità mi ha fatto ridere come un idiota. Scusate.

Lo stendardo per il miglior attore secondo me se lo aggiudica John Cena, che per quanto abbia l’espressione di un megalite secondo me è stato di buona presenza scenica.

Ma il premio più importante va, come sempre, a Vin Diesel, che qui davvero sembra Vincenzo Gasolio. Raga l’incapacità recitativa. Svogliato, spento, senza la capacità di fare una che sia una espressione facciale. Se fate un collage di tutti i primi piani di Dominic Toretto in Fast and Furious 9 otterrete un unico, identico frame per 15 minuti. Tra l’altro bellissimi i primi piani di ‘sto film, ve li consiglio.

Vin Diesel vince anche il premio a miglior supereroe della saga. C’è una scena in cui per far scappare tutti gli altri decide di sacrificarsi e di lottare corpo a corpo 25 contro 1 a mani nude. Lo riscrivo in caps lock perché magari non si è capito. LOTTARE CORPO A CORPO 25 CONTRO 1 A MANI NUDE. Sublime, totale, assoluto. Ma non ancora.

In questa scena a un certo punto si ritrova per terra con tutti quanti i nemici che lo calciano, lo picchiano, lo menano, lo distruggono. Lui si difende unicamente sollevando i gomiti sopra il volto e mentre le prende fortissime in un istante si trasforma in Super Sayan John Wick III in modalità berserk, si alza come se niente fosse e come se nessuno lo stesse picchiando, afferra due catene che penzolano dal soffitto e, con tutti quanti che gli si aggrappano addosso, tira le catene sradicando il soffitto e facendo crollare l’intera struttura sottoterra.

Se ancora adesso non vi ho convinti a vedere questo film siete solo persone orribili che non sanno godersi la vita. E siete anche un po’ snob. Ma restate con me ancora un paio di minuti che ho la chicca definitiva.

fast and furious 9
SPOILER.

Sì raga, Han è vivo. Non è questa la chicca, ma parliamone un secondo.

Si sono inventati un giro assurdo di trama, con una spiegazione complicatissima che secondo me non hanno capito neanche gli sceneggiatori per riportare in vita Han. Fatto sta che è vivo.

La cosa bella è che man mano che i personaggi vengono a conoscenza del fatto, Han si comporta come se fosse tutto normale e quando gli chiedono spiegazioni su come sia possibile lui sembra anche scocciato, della serie “ma non è ovvio amo?”. Ma pezzo di merda, io se per 4 anni penso che un mio amico sia morto come minimo se mi ricompare davanti alla faccia out of the blue voglio diventare il proprietario della sua vita.

A proposito di spiegazioni poi, senza contare tutte le incoerenze e idiozie di sceneggiatura. Penso che qui il livello di spiegone sia ancora superiore al livello Nolan. E direi che bisogna vantarsene. Scusa Chris, ormai hai imparato anche tu a scherzarci su, no?

Ogni volta che succede un evento inaspettato la scena successiva vede i personaggi seduti in cerchio con uno di loro – di solito o Tej o Roman, guarda caso – che proprio con una domanda esplicita porta un altro personaggio a spiegare che cosa è appena successo. Sembra un tutorial di un videogioco. Madonna che bello.

fast and fuorious 9
Esiste la fisica?

Ok ci siamo, ma fatemi dire un’ultima cosa prima. Le leggi della fisica in Fast and Furious 9 non esistono. Faccio solo un esempio. In una delle prime scene Letty vola via letteralmente da una moto, lanciata a una velocità che è sinonimo di morte sicura. Sta per atterrare sul suolo ma arriva Dom che sgommando la fa atterrare sul cofano. Ora. Perché quell’atterraggio è meno doloroso di quell’altro? Di scene così ce ne sono a manciate, tipo quando Vin Diesel e John Cena si inseguono saltando tra i tetti delle auto, il tutto condito da una pessima CGI. Profumo di vecchi tempi: il cinema sta davvero tornando.

Ok , ‘stavolta ci siamo per davvero.

Roman Pearce è praticamente da sempre l’elemento comico principale della saga, con Tej che gli fa da spalla comica. In Fast and Furious 9 i risultati raggiunti sono pazzeschi. Due scene sono definitive in tal senso.

Roman monta un pippotto da illuminato a Tej e Ramsey in cui sostanzialmente sostiene che la loro squadra è composta da uomini invincibili. Tej sembra esserne convinto, Ramsey li guarda stranita. Alla fine erano Tej e Ramsey che stavano tirando in mezzo Roman. Capite l’autoironia?

Tra le battute che rimarranno nella storia va aggiunto anche lo scambio tra John Cena e il cattivissimo che alla fine si scopre averlo manovrato per tutto il tempo. John Cena a lui dopo che gli volta le spalle: “Sei uno stronzo, ricco e viziato, io ti ammazzo”. Io qui ho sputato un polmone. Risposta: “Non so se ti hanno detto che gli stronzi, ricchi e viziati governano il mondo”. BOOOOOOOOOOM. Bellissimo comunque John Cena che dopo aver visto il piano a cui lavorava da una vita andare in fumo se ne sbatte il cazzo e se ne va via in auto.

Ma ora, la scena definitiva. Per motivi che non sto qua a riassumervi Roman e Tej vanno nello spazio. In auto. Aspe aspe. Restano in orbita e nella più totale desolazione Roman pronuncia queste parole: “Ma ci pensi? Due ragazzi dal ghetto allo spazio”. Per me il film poteva finire qui. Voglio credere che in lingua originale la battuta suonasse tipo “n*ggas in the space”.

toretto
Quando ti bussa il vicino.

Direi che ho già parlato troppo. Che dire: Fast and Furious 9 fa ridere, andatelo a vedere. È un film che non si prende sul serio e che dona ai fan della saga tutto quello che vorrebbero sotto l’albero di natale: botte, velocità e stronzate. Al bacio proprio.

A confermare la validità della tesi secondo cui ci sarà un crossover con il Marvel Cinematic Universe, habemus scena post-credits. TORNA JASON STATHAM, che picchia un uomo rinchiuso in un sacco da boxe, ma all’improvviso gli bussa alla porta Han. È lui figlio di puttana oppure è andato a fare il culo a Statham?

E fate attenzione alla macchina blu che arriva nel finale. Potrebbe essere John Cena, ma visto quanto fatto con Han, Paul Walker potrebbe essere il supereroe più forte di sempre. O era Gal Gadot?

Ah, vero: c’è un cameo di Cardi B. Buone vacanze.

Mario Vannoni

Un paesaggio in ombra e una luce calante che getta tenebra su una figura defilata. Un poco inutile descrivere chi o cosa sono io se poi ognuno di voi mi percepirà in modo diverso, non trovate?
Back to top button