Focus

5 registi ossessionati dai dettagli: come viene creata la perfezione

Essere un regista, soprattutto uno influente, è una prodezza che solo pochi eletti possono raggiungere. Ma cosa rende veramente grande un regista? Senza dubbio, ogni regista ha un diverso stile e un diverso approccio al cinema, spesso pionieristico, nuove tecniche e punti di vista.

I seguenti registi non hanno quasi nessun punto di vista comune, ognuno introduce il proprio stile, consolidando così il suo posto nella storia del cinema.
Tuttavia, una cosa in comune ce l’hanno: un occhio acuto, si potrebbe dire un feticcio, per i dettagli, che
si tratti di un set imballato fino all’orlo di piccoli oggetti per rendere il film più vivo e pulsante, un’ossessione per la cinematografia e il framing, o qualsiasi altro dettaglio apparentemente insignificante che non tutti noterebbero.


David Fincher

La sua reputazione lo precede: è esigente, un tipo difficile con cui lavorare. Il risultato, tuttavia, è sempre lo stesso: non importa quanto deboli o piene di buchi siano le trame, i suoi film sono sempre magnifici.

I generi cinematografici su cui lavora sono perlopiù thriller polizieschi e mistery, e hanno tutti un approccio molto distinto. Sono violenti, grintosi e complessi. Sono ipnotizzanti, e trascinano lo spettatore in un mondo oscuro e minaccioso dove i protagonisti non sono sempre quello che sembrano e dove molto spesso il cacciatore diventa la preda.
Un esempio del suo genio è il suo secondo lungometraggio, Seven (1995). In questo film, due detective sono sulle tracce di un killer psicotico che uccide le sue vittime ispirandosi ai sette peccati capitali. Il mondo che Fincher crea per questo film è reale e da incubo. Le scene di omicidio sono perfettamente progettate sia utilizzando effetti pratici che ornamenti. Ogni nuova scena del delitto, anche se grottesca, è ipnotica come il mondo che la circonda. Fincher pone molta enfasi sullo sviluppo dei suoi personaggi inserendo piccoli e sottili dettagli che si rivelano gradualmente attraverso il dialogo. Il film è noto oggi per le sue immagini violente e la natura anarchica della trama, ma in realtà è uno studio della psiche umana.

Fincher è senza dubbio uno dei migliori registi che Hollywood ha da offrire. Il motivo principale per cui la sua filmografia è così piccola (10 lungometraggi in 26 anni) è la sua ossessione per il dettaglio e la perfezione. E la perfezione ha bisogno di tempo.

Film consigliati: Seven (1995), Fight Club (1999), Millennium: uomini che odiano le donne (2011), Il curioso caso di Benjamin Button (2008)

Sergio Leone

Uno dei pionieri più influenti del cinema, Sergio Leone potrebbe facilmente vantarsi di aver inventato un genere: gli spaghetti western. Tuttavia, il cinema di Leone è molto più di un semplice spaghetti western. La sua attenzione al dettaglio, l’inquadratura non convenzionale, gli alti primi piani, l’atmosfera e la glorificazione dei fuorilegge sono solo alcuni punti che rendono il suo stile unico.

C’era una volta il West è stato macellato dalla Paramount in post-produzione e, infine, flop al botteghino. E allora? Il film è un capolavoro. Si tratta di un viaggio attraverso il selvaggio West, con cowboy, sceriffi, ladri che rapinano treni, pianure secche e desolate. C’è da dire, comunque, che questi stereotipi sono stati solidificati da Leone attraverso la sua trilogia e soprattutto grazie a questo film. Tale è la quantità di dettagli e creatività che ha investito nelle sue opere. Quando si parla di dettagli, si potrebbe semplicemente guardare una scena casuale dal film. Nessun altro nella storia del cinema è riuscito a ricreare un’epoca in modo così vivido. Le auto, gli edifici, i tubi di scarico, i vestiti, le armi, non sono semplici strumenti di rivisitazione. È come se interagissero con i personaggi, creando l’atmosfera e impostando il tono del film.

È quasi buffo che un regista con una carriera relativamente piccola, con solo sette film, sia riuscito a raggiungere ciò che gli altri non sarebbero più capaci di fare. La sua passione, l’attenzione al dettaglio e l’immaginazione sono le ragioni per cui il suo nome brillerà sempre intensamente nella storia del cinema.

Film consigliati: C’era una volta in America (1984), C’era una volta il West (1968), “Il buono, il brutto e il cattivo” (1966)

 

Wes Anderson 

Naturalmente Wes Anderson non poteva non essere presente in questa lista. La sua ossessione per i dettagli si espande a diversi aspetti del cinema.

Forse quello per cui Anderson è più noto sono i frame simmetrici da capogiro. Ogni ripresa è come se fosse stata fatta con un righello. Forme diverse, modelli e colori rendono i suoi film visivamente molto stimolanti.

Grand Budapest Hotel (2014) è un buon film di partenza per chi non ha mai visto una delle sue opere. È colorato, eccentrico, scandaloso e soprattutto molto divertente. Lo scenario è assolutamente pazzesco e i personaggi coinvolti ancora di più. La simmetria dei frame è la migliore che abbia mai concepito. Tuttavia, il culmine della sua carriera fino ad ora è senza dubbio Moonrise Kingdom (2010).

I colori sono più pallidi, la musica è nostalgica e le riprese sono sgranate per immergere lo spettatore in un’epoca passata. Tutto il film grida nostalgia. Lo scenario è eccentrico, divertente e strano come sempre, i personaggi sono accattivanti e l’ambiente ipnotizzante. L’epoca in cui è ambientato il film probabilmente non era così affascinante come sembrava, ma anche a qualcuno che non l’ha mai vissuta, evoca una strana familiarità. La nostalgia è una sensazione molto forte, e Anderson la usa perfettamente.

Film consigliati: Moonrise Kingdom (2010), I Tenenbaum (2000), Grand Budapest Hotel (2014), Fantastic Mr. Fox (2009)

 

Andrei Tarkovsky

Uno dei direttori più grandi e più influenti di tutti i tempi, Andrei Tarkovsky, non era semplicemente un regista. Era un poeta di immagine e di parole, e un filosofo contemplatore dell’esistenza. Le emozioni dei suoi film sono crude, le immagini surreali e incredibilmente belle. La sua attenzione al dettaglio arriva dalle sue esperienze personali e molti dei suoi film sono autoreferenziali.

Questo è uno dei motivi per cui è stato considerato un pioniere della narrazione basata su idee e ricordi. La sua attenzione al dettaglio non ha bisogno di presentazioni a chiunque abbia visto anche uno solo dei suoi film, ma se qualcuno dovesse sceglierne uno, quello è Stalker (1979). La miscela di sci-fi insieme al dramma esistenziale è superba. L’immagine è surreale e il ritmo veloce (ma ancora molto lento). I lunghi scatti ininterrotti sono onnipresenti, l’alternanza tra colore e seppia è fenomenale e l’uso della stanza come allegoria senza tempo è ineccepibile. Tarkovsky ha scelto il genere sci-fi per parlare di contaminazione nucleare, vanità dell’umanità e il dolore che si infliggono le persone a vicenda. Tali temi si esplorano solo attraverso immagini accuratamente strutturate e ciò rende questo film molto importante.

Film consigliati: Stalker (1979), Lo specchio (1975), Il sacrificio (1986), Nostalgia (1983)

 

Stanley Kubrick

Stanley Kubrick non ha bisogno di presentazioni. È uno dei registi più importanti e influenti di tutti i tempi, e una lista come questa non poteva nemmeno esistere senza di lui. Ogni scuola di cinema, ogni cinefilo e ogni critico lo conosce e ne parla.

Prendiamo come esempio Shining (1980). Dalla prima scena il film tiene lo spettatore incollato allo schermo. Kubrick avrebbe potuto scegliere una ripresa più comoda seguendo la macchina da dietro, o anche mettendo una macchina fotografica all’interno del veicolo. Invece ha scelto un elicottero per fare una vista panoramica dei dintorni, suggerendo così al pubblico il terrore che sta per arrivare. L’atmosfera assieme alla scena dell’elicottero sottolinea una paura subconscia. Una paura per l’isolamento e il deterioramento della sanità mentale. E tutto questo si svolge nei primi minuti del film. Andando avanti, cominciamo a notare ancora più dettagli. Si potrebbe facilmente perdere tutti questi piccoli dettagli, ma invece sono lì. E non appena li si nota, si comincia lentamente a rendersi conto che la paura e la paranoia si annidano in ogni angolo. L’illuminazione di Kubrick e i colori usati (esempio: la scena bagno con Charles Grady) inducono la stessa quantità di paura. E naturalmente c’è la scena di Danny e la sua bicicletta, che è assolutamente fenomenale.

È un compito veramente difficile analizzare uno dei più grandi registi del cinema in pochi paragrafi. Il suo lavoro è così vario e senza tempo che qualsiasi altro film avrebbe potuto essere scelto.

Film consigliati: sul serio, chi ha bisogno di consigli su Kubrick?

Article written by:

Avatar

Sono nata nel 1996, anche se quando lo dico non ci crede nessuno. Milanese di nascita e Veneziana (in particolare lidense) nel cuore; amo il Lido e la persona che me l’ha fatto conoscere in quel di due anni fa. Studio Beni Culturali, leggo libri che in pochi conoscono, scrivo tutto quello che mi passa per la testa e guardo tanti film per riempire le mie serate. Tutto il tempo che mi rimane lo dedico agli amici e ai miei due cani. Inguaribile romantica, nata nell’epoca sbagliata. Mi piace cucinare; mi piacerebbe anche saperlo fare bene. Sono abbastanza orsa da apprezzare una notte da sola a guardare le stelle, non abbastanza da godermi veramente un pasto consumato senza compagnia.

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi