Focus

Cena tra amici vs Il nome del figlio: Francia contro Italia, per un match tutto da ridere

Oggi si parla di sport, di competizione. Di Europei, o di Mondiali se preferite. In particolare, di quelli del lontano 2006: Italia contro Francia, testata di Zidane, zanzare, birretta e bagni in piscina per festeggiare. Coloro che mi conoscono a questo punto si staranno chiedendo se non sia per caso sbronza o se non mi sia arrivata una botta di Alzheimer precoce, dato che in condizioni normali nemmeno so in quanti si sta in campo. Tranquilli, tutto normale – se di normalità si può parlare: il match che sto per narrarvi è sempre tra Francia e Italia, sì, ma sul grande schermo anziché allo stadio. Tra Le Prénom, del 2012, in italiano tradotto con un banale Cena tra amici, e Il nome del figlio, uscito tre anni più tardi, che non ha bisogno di traduzioni perché nasce nella penisola.

Entrambi si basano sulla pièce scritta a quattro mani da Alexandre de la Patellière e Matthieu Delaporte, che di Cena tra amici sono anche registi, e la trama è sostanzialmente identica: da una parte la tipica coppia gauche caviar, lui professore all’università e lei al liceo, dall’altra i cognati, borghesotti arricchiti e poco inclini agli intellettualismi, ma molto più pronti alla battuta, e in mezzo un comune amico eccentrico e apparentemente solitario. Proprio a causa di una battuta irriverente viene scoperchiato un vaso di Pandora sigillato da decenni, le cui conseguenze si riveleranno inaspettate.

Premessa: entrambi i film sono estremamente godibili; la scelta è durissima. Per il caso francese, Charles Berling è Pierre, intellettuale spocchioso e poco avvezzo alla quotidianità; Valérie Benguigui è Élisabeth, la moglie frustrata e esausta; Patrick Bruel è Vincent, fascinoso agente immobiliare incapace di uscire di casa senza un Rolex al polso; Judith El Zein è Anna, la rampante e bellissima moglie in dolce attesa; e Guillaume de Tonquedec è Claude, istrionico direttore d’orchestra.

Diverso il fronte patrio: Francesca Archibugi sta dietro alla macchina da presa de Il nome del figlio, e per la sceneggiatura si fa aiutare da Francesco Piccolo. Il tono del film, di conseguenza, è inevitabilmente più casereccio e in qualche modo più malinconico. Il naso di Luigi Lo Cascio è Sandro, il professore di cui sopra che nella versione nostrana scopre i social; Valeria Golino e la sua recitazione nevrotica tipica delle attrici italiane che devono darsi un tono è Betta, la moglie; Alessandro Gassman è Paolo Pontecorvo, perfetto agente immobiliare e fratello di Betta; Micaela Ramazzotti è la moglie Simona, che siccome è bella mica può pure avere una carriera, al massimo può ambire al ruolo di scrittrice da autogrill; e infine Rocco Papaleo è Claudio, musicista famoso ma non troppo.

Se Cena tra amici vince per ritmo e freschezza, Il nome del figlio è pervaso da un amarcord tutto italiano che non può non far sorridere: flashback degli Anni Settanta, canzoni di Lucio Dalla, politica spiccia – Lo Cascio è l’incarnazione perfetta dei motivi per cui la sinistra è destinata a perdere, mentre Gassman potrebbe benissimo intonare Meno male che Silvio c’è da un momento all’altro. La Francia è più chic, si sa, e il confronto tra bobo e bling-bling è graffiante, impietoso e incredibilmente parigino; Roma, che si parli dei salotti buoni o della provincia più coatta, mantiene quell’alone provinciale che è al contempo la sua debolezza e la sua forza. Se Anna è ben consapevole del suo ruolo in società e non viene scalfita dal sarcasmo del cognato, non così Simona, semplice, fragile eppure capace di inquadrare al volo tutti i partecipanti alla cena; se i nipoti di Anna in Cena tra amici sono sostanzialmente tappezzeria, quelli di Simona ne Il nome del figlio rappresentano insieme passato e futuro. Entrambi hanno ispirato Perfetti sconosciuti, che dei due è la sintesi: estremamente italiano, ma senza tutti quei riferimenti storici che caratterizzano l’opera della Archibugi.

Il verdetto? La Francia è briosa, esilarante, cinica; l’Italia poetica, affettuosa, autoironica. Uno a uno, palla al centro. Nel dubbio, guardateveli entrambi.

Article written by:

Avatar

Classe 1990, internazionalista di professione e giornalista per passione, si laurea nel 2014 saltellando tra Pavia, Pechino e Bordeaux, dove impara ad affrontare ombre e nebbia, temperature tropicali e acquazzoni improvvisi. Ama l'arte, i viaggi, la letteratura, l'arte e guess what?, il cinema; si diletta di fotografia, e per dirla con Steve McCurry vorrebbe riuscire ad essere "part of the conversation".

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi