In sala

Ema – Larrain nel complicato mondo del reggaeton

Ema – Larrain nel complicato mondo del reggaeton My rating: 2.8 out of 5

Ema cammina per le strade della sua città e la gente la guarda male. Alle prove di danza, i ballerini vociferano fragorosamente attorno a lei. Parlare con suo marito Gaston a casa è diventata una battaglia. Tra loro due c’è un’amorevole astio. Il motivo della situazione presto detto: Ema e Gaston hanno deciso di ridare indietro Polo, il figlio di 7 anni che entrambi avevano adottato senza tuttavia essere stati in grado di allevarlo. Insieme provano a sostenersi in questo momento difficile, ma la loro relazione vacilla. Hanno differenti modi di affrontare la realtà. Gaston è svilito da non poter dare di più e si sente un padre fallito. Ma Ema è più sicura della sua scelta e va avanti a testa alta. Risponde con sicurezza alle accuse di Gaston di non essere stata capace di amare e reagisce con sguardo severo e gli da dell’insensibile. Tutto questo è pesante da sopportare e Ema ha già un piano per migliorare la sua vita.

Chi conosce e apprezza l’opera di Pablo Larrain sa cosa aspettarsi dai suoi film. Ci ha mostrato contesti oscuri, famiglie surrogate nate dallesigenza di sopravvivere ad uno scandalo (vedi El club) o  personalità dolci come quella Jacqueline Kennedy che affronta il trauma della perdita e del cambiamento (Jackie). Ma questo Ema spiazza per la sua originalità. Una regia più fresca e ritmica ci immerge in un mondo di danze scatenate e reggaeton, alternato ai problemi familiari della coppia. Sembra di essere piombati in un vero videoclip di MTV. Uno straniamento che ci porta al nocciolo del film: come la libertà e le azioni del singolo possono cambiare radicalmente la vita di chi lo circonda e anche della società.

Il film, comunque, rimane il meno riuscito nell’opera di Larrain fino ad adesso. Non tanto per la fotografia, sfavillante e coloratissima, “alla Suspiria” per intenderci. Men che meno per le interpretazioni: Mariana Di Girolamo da ad Ema un volto inflessibile e un corpo energico e sensuale, mentre Gael García Bernal interpreta un Gaston spento, tormentato dai rimorsi. Il  vero problema sta nello svolgimento. La parte centrale si trascina in un vortice di situazione reiterate e lascive che danno alla pellicola un gusto erotico di troppo. Il colpo di coda arriva troppo tardi e, seppur ben orchestrato, non riesce a salvare la pellicola. Insomma, Larrain dipinge una realtà contemporanea più estetica che oggettiva, superficiale e arrogante, dove i più giovani sono pronti a tutto per sentirsi liberi. E per bruciare il mondo a ritmo di reggaeton.

Article written by:

Marco Perna

A volte mi piace credere che essere nato nello stesso mese di Fellini e un anno dopo la sua morte abbia influenzato, in qualche modo, la mia vita e di conseguenza anche il mio amore per il surreale e la settima arte. Poi torno in me e mi accorgo di non avere Borsalino grigio e sciarpa rossa ma una profonda passione per il cinema e tutto ciò che viene considerato bello. Mi sono cimentato dietro la telecamera ai tempi del DAMS a Torino, dove mi sono laureato, ma parlare di cinema mi piace quasi di più che farlo.

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi