first man ryan gosling damien chazelle il primo uomo
In sala

First Man: Il primo uomo. La Luna che non sogniamo

First Man: Il primo uomo. La Luna che non sogniamo My rating: 2.5 out of 5

La 75esima edizione del Festival di Venezia si apre, a qualche anno di distanza da Gravity, con un ritorno allo spazio: Il primo uomo di Damien Chazelle (First Man), sulla vicenda umana di Neil Armstrong.

Chi è Il primo uomo?

Ryan Gosling interpreta un Neil Armstrong in lutto per la morte della figlia: l’impegno con la NASA e la missione Apollo 11 diventano per lui un atto catartico di elaborazione della perditaIl primo uomo ripercorre le tappe dell’esplorazione spaziale americana antecedenti allo sbarco sulla Luna in un biopic fortemente ancorato al punto di vista del protagonista.

first man ryan gosling damien chazelle il primo uomo

E il problema, ohimè, è proprio il punto di vista del protagonista. Schermato rispetto alle sue stesse emozioni: il muro di gomma della faccia di Ryan Gosling rimbalza sullo spettatore, isolandolo e ovattando la percezione di quell’esperienza umana che doveva essere il cuore del film.

La perdita, l’elaborazione, la crescita, sfumano in un’interpretazione algida al limite del polare, decisamente arrotondata per difetto. Il personaggio di Neil Armstrong si cristallizza in una sfinge di difficile lettura (anche per la sua famiglia, nei cui confronti sembra nutrire un distacco assoluto).

I punti di forza

Un obiettivo non raggiunto, quindi, quello di filtrare l’esperienza storica collettiva attraverso lo sguardo della persona che ha materialmente compiuto quel “piccolo passo”. Il primo uomo ha però altri punti di forza, che mi hanno permesso di non uscire dal cinema in un involtino di insoddisfazione.

Particolarmente riuscita è la narrazione del rapporto uomo-macchina: il realismo degli ambienti dei moduli spaziali è opprimente e claustrofobico. Si percepisce in modo credibile la difficoltà nel controllo dei comandi, delle variabili, delle comunicazioni.

first man ryan gosling damien chazelle il primo uomo

La scena dell’avaria durante la simulazione Gemini è particolarmente pesa: mi sono fatta dieci minuti di apnea che manco il Guybrush Threepwood dei tempi d’oro (correte a ripassare, se non avete vissuto appieno i primi anni ’90).

Che cosa mi è mancato

Ne Il primo uomo si nota la grande assenza di un tema spesso centrale nella narrativa del viaggio spaziale: il gusto per l’esplorazione, per la scoperta.

Lo stesso Neil Armstrong, al momento della selezione per la NASA, dichiara di percepire l’esplorazione dello spazio come una fonte di risorse in prospettiva. Il romanticismo intorno alla suggestione della curiosità, del mistero, del richiamo dell’ignoto, non è pervenuto.

L’assenza di un “sognatore” tra i protagonisti del film mi ha colpita: Il primo uomo è la storia di un ingegnere che va a passeggiare sulla Luna. Ma, tristemente, con i piedi ben piantati per Terra.

Article written by:

Sara Boero

Sua madre dice che è nata nel 1985, a lei sembrano passati secoli. Scrive da quando sa toccarsi la punta del naso con la lingua e poco dopo si è accorta di amare il cinema. È feticista di Tarantino almeno quanto Tarantino dei piedi. Non guardatele mai dentro la borsa, e potrete continuare a coltivare l'illusione che sia una persona pignola.

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi