In sala

Il mostro di St. Pauli: molta morte, moltissima miseria e un filo di noia

Il mostro di St. Pauli: molta morte, moltissima miseria e un filo di noia My rating: 3 out of 5

Amburgo, Anni Settanta. Ci si aspetterebbero riferimenti alla Guerra Fredda, ai movimenti giovanili, al mondo in fermento: niente di tutto ciò. Il mostro di St. Pauli potrebbe essere ambientato in un qualsiasi luogo e in una qualsiasi epoca, se non fosse che è tratto da un episodio di cronaca: bastano un baraccio di periferia, una storia di sesso (poco) e morte (tanta), e tonnellate di miseria umana.

Ultima fatica di Faith Akin, distribuito in qualche sala minuscola e indipendente che più indipendente non si può, Il mostro di St. Pauli è quanto di più lontano si possa immaginare dai suoi precedenti lavori: l’unica cosa che ha in comune con Soul Kitchen, tanto per dirne uno, è l’hinterland tedesco in tutto il suo splendore; ma delle battute e della musica che pervade la cucina dell’anima di qualche anno fa non c’è traccia. Al massimo, qualche scena involontariamente ironica – la visione della bella ragazza che addenta pezzi di carne cruda al rallentatore ha rischiato di strappare più di una risata in sala.

Ma cominciamo dal principio: Il mostro di St. Pauli è la storia di Fritz Honka, il cui lavoro non è chiaro, ma dagli hobby parecchio interessanti. Bere, giocare d’azzardo, e se capita l’occasione massacrare prostitute e donne sole per poi rinchiuderne le membra in dispensa. E il bello è che andrà avanti per un sacco di tempo – cinque anni per un totale di quattro sfortunate donzelle, con qualche blanda parentesi di tentativi di redenzione andati a vuoto: sarà scoperto solo con l’incendio involontariamente causato dai vicini del piano di sotto, che non sembrano eccessivamente turbati dal vedersi piovere dei vermi in testa o dalla puzza di cadavere che pervade la palazzina.

La trama de Il mostro di St. Pauli è tutta qui, e avrebbe potuto essere una bomba. Manca però qualcosa al film: un protagonista, prima di tutto. Jonas Dassler è truccato meravigliosamente, ma qui si ferma la sua performance: il mostro si limita a parlare in tono strascicato, spogliarsi ogni tanto e guardare con aria lasciva ogni donna che gli capita a tiro. Sembra che Faith Akin abbia deciso di girare un documentario più che un film: dettagliato, fedele, ma non esente da qualche sbadiglio.

Menzione d’onore invece per i coprotagonisti e per l’ambientazione: il volto gonfio e tirato di Margarete Tiesel è perfetto per l’immagine della prostituta anziana, abbandonata dalla figlia e troppo stanca per essere disperata. In un rigurgito di pietà, proverà addirittura a rassettare lo sgabuzzino di Fritz, trasformandosi suo malgrado in una sorta di moglie / madre / governante. Il guanto d’oro, il bar dove si svolge la maggior parte della storia nonché titolo originario e molto più appropriato del film, è esattamente ciò che pensate: un bugigattolo sporco, con le tende sempre tirate (“I clienti non bevono con la luce del giorno”), e avventori piuttosto pittoreschi. Si va dall’ex ufficiale delle SS dedito a tiranneggiare i compagni di bevute, al vecchio alcolizzato, a una schiera di donnine sboccate e lacrimevoli, a incoscienti damine desiderose di redimere il prossimo più per noia che per vocazione. Gli unici a spiccare in questo oceano di degrado sono i due liceali, lei bella e svogliata, lui imbranato e affamato di futuro: che, attratti dal proibito, metteranno piede al Guanto d’oro solo per andarsene schifati; più che torbido, quel posto è rivoltante.

Il mostro di St. Pauli  sembra voler far eco a M – Il mostro di Düsseldorf, senza averne però la tensione narrativa: poco thriller, pochissimo horror, e uno sguardo lucido e distaccato verso il fondo dell’umanità. Da non perdere i titoli di coda con le foto del processo e dell’appartamento di Honka, forse la sola cosa in grado di suscitare qualche brivido nello spettatore.

Article written by:

Avatar

Classe 1990, internazionalista di professione e giornalista per passione, si laurea nel 2014 saltellando tra Pavia, Pechino e Bordeaux, dove impara ad affrontare ombre e nebbia, temperature tropicali e acquazzoni improvvisi. Ama l'arte, i viaggi, la letteratura, l'arte e guess what?, il cinema; si diletta di fotografia, e per dirla con Steve McCurry vorrebbe riuscire ad essere "part of the conversation".

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi