Old Movies

I Gremlins, ode comico-orrorifica agli Anni Ottanta

I Gremlins, ode comico-orrorifica agli Anni Ottanta My rating: 3.5 out of 5

Cosa sono I Gremlins? Dei mostri, tanto per cominciare. Ma anche dei pupazzetti bellissimi, finché li si tiene a dieta. In sintesi: una figata atomica. Del resto, da un ritrovo fra Joe Dante, Steven Spielberg e Chris Columbus non può certo uscirne una roba da cineforum polacco.

È il 1984 quando il primo dei tre riceve una sceneggiatura dal regista di un capolavoro quale Mamma, ho perso l’aereo!, riesce a farsi produrre da uno che di alieni e creature strane se ne intende giusto un filino, e si mette all’opera. Il cast non è stellare, ma la storia basta a incollare al grande schermo i ragazzini di mezzo mondo. Rand Peltzer (Hoyt Axton) è un inventore dei bei tempi in cui gli smartphone ancora non esistevano, e già questo basta a incuriosire gli spettatori: strampalato, squattrinato e parecchio affettuoso, è determinato a fare un bellissimo regalo di Natale al figlio Bill (Zach Galligan). Che non è esattamente in fasce, e come da copione americano medio lavora in banca per aiutare la famiglia, però il suo sogno nel cassetto è disegnare fumetti. Com’è ovvio è innamorato della più bella e dolce del paese (Phoebe Cates), anche lei stucchevolmente dedita a lavoretti per dare una mano a mammà e anche lei, come praticamente tutta la città, vessata dalla cattivissima e vecchissima ereditiera locale.

Il regalo di Natale, dicevamo: e quale posto migliore di Chinatown per trovare qualche stramberia? È così che l’intraprendente Rand scova un mogwai, animaletto pelosissimo, tenerissimo e pucciosissimo. Tre le regole da rispettare: non esporlo alla luce, non bagnarlo e non nutrirlo dopo la mezzanotte. Va da sé che queste regole verranno infrante neanche venti minuti dopo l’inizio del film, dando così alla luce i gremlins, orridi mostriciattoli determinati a distruggere tutto ciò che incontrano. Così come va da sé che i nostri eroi le proveranno tutte, ma proprio tutte, per fermarli.

I Gremlins è il tipico film che ti fa rimpiangere di non essere nata con una quindicina d’anni di anticipo: perché è l’elevazione al cubo del decennio dei lustrini e degli eccessi. Tutto trasuda Anni Ottanta: dai maglioni improbabili, alle ragazze con la frangetta, alla spensieratezza, al villaggio natalizio che pare uscito da una boule de neige. E che sembra fatto apposta per essere stravolto, con l’ironia tipica dei tre di cui sopra: gli stereotipi vengono ribaltati, i batuffoli si trasformano in iguane inviperite, e le mamme (una tostissima Frances Lee McCain) non esistano a trucidarle con frullatori e microonde. Non per nulla, Columbus si è ispirato ad un racconto omonimo di Roald Dahl di ben quarant’anni prima, che a suo tempo venne rifiutato dalla Disney in quanto eccessivamente truculento; non proprio una favola della buonanotte, insomma.

C’è anche un vaghissimo accenno di critica sociale – “la vostra società non è ancora pronta per i mogwai”, affermerà l’enigmatico venditore cinese (Keye Luke) –, ma non lasciatevi ingannare: I Gremlins adorano sfottere, più che fare la rivoluzione. Epocali, a tal proposito, i minuti ambientati nel bar, dove tra “donne”, sigarette e stravizi vari, quei lucertoloni sembrano ricordarci qualche nostra serata particolarmente impegnativa. Non mancano poi le citazioni, anche queste pervase da uno humour sublime: La vita è meravigliosa quando in realtà i vialetti innevati stanno per essere divelti, L’invasione degli ultracorpi a fare da sfondo all’abbuffata notturna, il jingle di Biancaneve e i sette nani che diventa un canto del cigno, e naturalmente una pernacchia a E.T.

Per certi versi, I Gremlins sembra anticipare Killer Clowns From Outer Space; con la differenza che in questo caso l’effetto comico non è mai involontario. Joe Dante sa bilanciare alla grande commedia ed horror e riesce a condirli con il giusto pizzico di grottesco, regalandoci un paio d’ore di svago e brividi. Da vedere e rivedere, per rimembrare i fasti del passato.


P.s. Se gli horror sono la vostra passione, fate un salto dai nostri amici di Horror Italia 24!

Article written by:

Classe 1990, internazionalista di professione e giornalista per passione, si laurea nel 2014 saltellando tra Pavia, Pechino e Bordeaux, dove impara ad affrontare ombre e nebbia, temperature tropicali e acquazzoni improvvisi. Ama l'arte, i viaggi, la letteratura, l'arte e guess what?, il cinema; si diletta di fotografia, e per dirla con Steve McCurry vorrebbe riuscire ad essere "part of the conversation".

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi