La cena dei cretini: per una serata di cinismo, inconvenienti e risate
Old Movies

La cena dei cretini: per una serata di cinismo, inconvenienti e risate

La cena dei cretini: per una serata di cinismo, inconvenienti e risate My rating: 3 out of 5

Ho deciso di dedicarmi alla visione de La cena dei cretini dopo aver visto l’omonima commedia a teatro, e proprio come a teatro non sono rimasta delusa. E questo nonostante la storia si presti molto di più a un palcoscenico che a una macchina da presa. Sarà perché il regista Francis Veber è un maestro dello humour cinico, sarà perché Parigi è sempre Parigi, sarà perché, ammettiamolo, irridere il prossimo è tanto amorale quanto divertente, fatto sta che questo film del 1998 è un ottimo divertissement per passare la serata.

Proprio come quelli che organizzano Pierre (Thierry Lhermitte) e i suoi amici, tutti frequentatori della buona società: ogni mercoledì sera sono soliti ritrovarsi a casa di qualcuno per una bella cenetta in compagnia. Nulla di strano, direte. Già, se non fosse che ogni partecipante si porta appresso un “cretino”, che poi altro non è che un francese medio, con un lavoro noioso, un po’ ottuso e con hobby discutibili come ce ne sono a bizzeffe. Colui che avrà portato il cretino migliore a fine serata si accaparrerà un premio.

Pierre sembra aver trovato un campione mondiale in tal senso: un certo François Pignon (Jacques Villeret), modesto impiegato del Ministero delle Finanze con la passione di ricreare monumenti con dei fiammiferi; il protagonista perfetto per La cena dei cretini, insomma. Tutto è pronto, ma la schiena di Pierre decide di bloccarsi nel bel mezzo di una partita di golf. Niente panico: quale modo migliore di passare una serata da infermo invitando il cretino prescelto direttamente a casa propria?

La cena dei cretini ci insegna una cosa, che poi è lo stesso principio enunciato da Carlo Maria Cipolla in Allegro ma non troppo: mai sottovalutare la pericolosità degli stupidi. Perché tra mogli inviperite (Alexandra Vandernoot), amanti appiccicose (Catherine Frot), amici ritrovati (Francis Huster) e ispettori inaciditi (Daniel Prévost), cena e vita rischiano di diventare parecchio movimentate.

La cena dei cretini di sicuro non entrerà nell’olimpo del cinema mondiale. Però fa ridere. Eccome se fa ridere. Ed è allo stesso tempo molto parigina e molto di mondo: le stesse dinamiche si possono ritrovare nei salotti buoni di Londra, New York, Milano. E, cosa più importante, nonostante sia un capolavoro di cinismo, non è crudele: se infatti Pignon non può non suscitare un po’ di simpatia, si fa fatica a non immedesimarsi nel povero Pierre, casa formato Louvre a parte. Aggiungete in apertura il mitico Georges Brassens e la sua Le temps ne fait rien à l’affaire, meglio conosciuta con Quand on est con, infilatevi sul divano con qualche amico e avrete la cena perfetta, e senza nemmeno bisogno di cucinare.

Article written by:

Classe 1990, internazionalista di professione e giornalista per passione, si laurea nel 2014 saltellando tra Pavia, Pechino e Bordeaux, dove impara ad affrontare ombre e nebbia, temperature tropicali e acquazzoni improvvisi. Ama l'arte, i viaggi, la letteratura, l'arte e guess what?, il cinema; si diletta di fotografia, e per dirla con Steve McCurry vorrebbe riuscire ad essere "part of the conversation".

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi