Old Movies

A beautiful day: la sobrietà della violenza e dell’alienazione

A beautiful day: la sobrietà della violenza e dell’alienazione My rating: 3.5 out of 5

Approcciatevi a A Beautiful Day con l’idea di trovarvi davanti a un revenge movie esagerato e tamarro come Io vi troverò e, garantito, rimarrete estremamente delusi. Questa pellicola della scozzese Lynne Ramsay (autrice del bellissimo e altrettanto concettuale E allora parliamo di Kevin) è di quel tipo che, sulle prime, sembra non voler piacere a nessuno se non alla sua regista, ed è più vicina al tono secco e alienante di Taxi Driver e all’essenzialità di Drive di Refn che non alle testosteroniche scariche di adrenalina dell’action con Liam Neeson. E se possibile, è un film ancora più scarno ed essenziale rispetto agli altri due titoli citati. Ma a questo aspetto ci arriviamo tra poco.

La trama è la più basilare dell’universo: Joe (Joaquin Phoenix) è un reduce di guerra che nella vita si occupa dell’anziana madre e, al contempo, svolge il lavoro di sicario affrancando ragazze invischiate in un circolo di prostituzione minorile. Ma quando durante uno dei suoi ultimi lavori l’uomo finisce nel mirino di gente potente, non resta altro che la via della vendetta.

Partiamo subito dal nostro affezionatissimo Gioacchino Fenice. Il magnifico interprete di Il gladiatore, Walk The Line e Joker aggiunge al suo curriculum un altro ruolo grandioso. La figura di Joe, imbolsita e mentalmente disturbata, segnata da traumi infantili e pulsioni suicide, è perfettamente nelle corde dell’attore, mena le mani come un campione di MMA e funge da punto focale attraverso il quale leggere la visione della regista della giustizia in un ambiente urbano rarefatto e straniante. Prostituzione e politica sono strettamente intrecciate nell’universo di A Beautiful Day, e solo un antieroe dall’inflessibile rigore morale come Joe, per quanto problematico, è in grado di far fronte allo squallore sociale.

Essendo A Beautiful Day un film di vendetta, la violenza ha un ruolo centrale, anche se viene estetizzata attraverso soluzioni di regia molto particolari. Tralasciando alcuni momenti di pura esplosione sanguinolenta che mi hanno ricordato molto Oldboy (non a caso l’arma preferita di Joe è un martello), le scene più crude avvengono o fuori campo o sono filtrate attraverso l’occhio inespressivo e passivo delle telecamere di sorveglianza, sposandosi perfettamente alla bestialità trasandata e spietata del protagonista.

Commentato da una splendidamente dissonante colonna sonora di Jonny Greenwood, A Beautiful Day è un film formalmente perfetto. La macchina da presa si muove con delicati piani-sequenza e riprese fluide tra squallidi sobborghi e locali di lusso, mantenendosi sempre minimale ed elegante, pur concedendosi a qualche composizione dell’immagine che guarda alla pittura. Il look principalmente notturno della pellicola ricorda più Michael Mann che Refn, ma da quest’ultimo viene ripreso l’approccio ad una narrazione ridotta all’osso e basata principalmente sui sottintesi. E forse è proprio qui che si trovano i veri limiti del film.

In un’ora e mezza si parla davvero poco, e viene prediletta soprattutto la narrazione per immagini. Non che sia un problema, perché ciò giova ad un racconto che evita di dilungarsi in inutili appendici. Dove purtroppo la pellicola traballa è nella fin troppo insistita frammentazione della storia, privata di alcuni tasselli fondamentali per la sua totale assimilazione. Ciò si rivela un tentativo tutto sommato apprezzabile di dare davvero l’idea della psiche deficitaria di Joe, imprigionata tra squarci inquietanti di infanzia e ricordi della parentesi bellica, ma a lungo andare ciò potrebbe dare ad alcuni spettatori una sgradevole sensazione di inconcludenza. Se l’idea iniziale era di riproporre il caotico intrecciarsi di realtà, allucinazione e azione violenta come atto di catarsi di Taxi Driver, il risultato forse è più spigoloso del dovuto.

Ora però non lasciatevi fuorviare dal paragrafo precedente: A Beautiful Day è un bel film. Non carica di testosterone (non era quello lo scopo), ma è in grado di interessare e addirittura di far trattenere il fiato nei momenti più impensati. È un film spesso lirico ma mai esagerato, mai pomposo, a tratti faticoso ma solido e teso al punto giusto, a cui è mancato davvero poco per essere grande.

Article written by:

Avatar

Classe 1996. Studente di lettere moderne a tempo perso con il gusto per tutto ciò che è macabro. Tenta di trasformare la sua passione per la scrittura e per il cinema in professione.

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi