Old Movies

1981 – Indagine a New York: cronache da un anno che sembra noiosissimo

1981 – Indagine a New York: cronache da un anno che sembra noiosissimo My rating: 2 out of 5

Volete passare una serata in compagnia di gangster, intrighi, passioni e luci della città? Benissimo, allora non guardate 1981 – Indagine a New York.

Ebbene sì: nonostante le ottime intenzioni di regia e interpreti e una trama che sulla carta sembra estremamente avvincente, la sua trasposizione sulla celluloide è, per così dire, barbosa. Soporifera, quasi. Il che è ancora più sorprendente se si pensa che il regista è J. C. Chandor, lo stesso del serratissimo e incalzante Margin Call, e che i protagonisti hanno i lineamenti di Oscar Isaac e di Jessica Chastain.

Ma cominciamo dal principio: girato nel 2014, ma con un’aura da pellicola d’antan, 1981 – Indagine a New York narra le peripezie di Abel Morales, tipico imprenditore latinoamericano che si è fatto da solo e che è riuscito a costruirsi la sua azienda di olio combustibile. Abel è a un passo dal concludere l’acquisizione di un terreno che gli permetterebbe di fare il salto di qualità, ma è braccato dai federali, apparentemente senza motivo e nella persona di un David Oyelowo piuttosto improbabile, se consideriamo che negli Anni Ottanta le persone di colore avevano ben poche chances di ricoprire ruoli di potere. Per di più, i suoi autisti sono regolarmente attaccati da banditi e malavitosi e i suoi camion depredati: semplici criminali, o concorrenza più spietata del dovuto? Dulcis in fundo, la tanto bella quanto scialba mogliettina è la figlia di un super boss della mala, ma la coppietta felice non vuole affatto sporcarsi le mani con questi cattivoni. La lotta fra bene e male nei sobborghi newyorkesi, insomma.

Sembra intrigante, non è vero? Eppure, 1981 – Indagine a New York riesce nell’ardua impresa di rendere noiosa una simile vicenda. Primo punto: se verso la metà del film non lo dichiarassero apertamente, probabilmente non ci accorgeremmo mai dei torbidi natali della Chastain. Mai un tentativo di corruzione, un avvertimento, un colpo di pistola: i mafiosi più pigri di tutto il New Jersey, in pratica. Secondo punto: lo scenario. Sappiamo che siamo a New York grazie al titolo, ma la si vede talmente poco che potremmo indifferentemente pensare di trovarci a Detroit, Londra o Abbiategrasso: sobborghi, autostrade, capannoni. Soltanto la metropolitana, teatro per pochi minuti di un inseguimento, ci ricorda dove siamo, e in che periodo – altra cosa che, se non fosse per le spalline dei vestiti femminili, potrebbe benissimo passare in secondo piano.

Ultima, e più dolente, nota: Abel Morales è a dir poco insopportabile. Una sorta di cavaliere senza macchia e senza paura fuori tempo massimo, disinteressato a tutto ciò che potrebbe avere un’aria vagamente losca, deciso ad avere giustizia perché sa di essere nel giusto: ideale da incontrare nella vita vera, terribile sul grande schermo. L’antitesi del personaggio complesso.

Il ritmo è lento e costante: 1981 – Indagine a New York è praticamente la trasposizione cinematografica degli sfrenati festeggiamenti del cinquantesimo anniversario di matrimonio dei vostri nonni. La cosa strana è che non lo si può definire brutto: fotografia e scelte stilistiche sono impeccabili. Però appunto, sembra un album di foto più che una spy-story.

1981 - Indagine a New York

Una nota positiva però c’è: la traduzione italiana del titolo. Non temete, non sono impazzita: l’originale è A Most Violent Year. Potente, altisonante, fighissimo? Tutto giusto: ecco, pensate che se invece di 1981 – Indagine a New York aveste visto una cosa che prometteva di essere l’anno violentissimo, ai titoli di coda ci sareste rimasti doppiamente male.

Article written by:

Avatar

Classe 1990, internazionalista di professione e giornalista per passione, si laurea nel 2014 saltellando tra Pavia, Pechino e Bordeaux, dove impara ad affrontare ombre e nebbia, temperature tropicali e acquazzoni improvvisi. Ama l'arte, i viaggi, la letteratura, l'arte e guess what?, il cinema; si diletta di fotografia, e per dirla con Steve McCurry vorrebbe riuscire ad essere "part of the conversation".

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi