Joy
Old Movies

Joy (David O. Russell, 2016)

Joy (David O. Russell, 2016) My rating: 4 out of 5

Altro che casalinga disperata, al cinema è arrivata una ventata di… Joy

Una volta c’erano le Donne sull’orlo di una crisi di nervi, oggi c’è Joy a raccontarci quanto possa essere variegato, determinato e ostinato l’universo femminile.

Forse il nome di Joy Mangano non vi dirà assolutamente nulla, e vi starete chiedendo per quale improbabile motivo dovreste pagare il biglietto del cinema per sorbirvi la biografia di un’emerita sconosciuta, ma quando capirete di chi si tratta, il vostro snobismo si scioglierà come neve al sole: perché la bella Joy è nientepopodimeno che l’inventrice del Miracle Mop, più  semplicemente il Mocio, lo scettro del potere di qualsiasi casalinga/o che si rispetti.

Il regista statunitense David O. Russell ha scelto di portare sul grande schermo una storia dal sapore quotidiano, raccontata con semplicità, senza abbellimenti né ricercatezze di sorta: un grande ritorno dopo l’incredibile successo di American Hustle (2013), che tuttavia ha suscitato non poche critiche a livello internazionale. Le accuse? L’eccessivo buonismo nel proporre un classico esempio della realizzazione del sogno americano, una favola troppo positiva dove gli ingredienti principali sono i buoni sentimenti e tanta stereotipizzazione.

b4236ada84

Ma sapete che vi dico? A me Joy è piaciuto. Mi è piaciuto per la bravura di Jennifer Lawrence (ed evidentemente non soltanto a me, considerando che è candidata al Premio Oscar come Miglior Attrice Protagonista), che non sfigura nemmeno di fronte ad un mostro sacro qual è Robert De Niro, un’attrice perfetta nell’interpretare tutte le sfumature di una donna demoralizzata, divisa tra la propria ambizione e la necessità di accudire una famiglia ingombrante ed egoista, una mamma single con tanto di genitori a carico, costretta a reinventarsi e a tirare fuori l’idea vincente; mi è piaciuto per il messaggio che trasmette, che sarà anche un  po’ stereotipato, ma di cui oggi più che mai abbiamo tanto bisogno: se lo vuoi, tutto è possibile, e non c’è nulla di più vero.

Nel complesso vi posso concedere giusto un paio di critiche: il montaggio, talvolta un po’ frettoloso, che spezza la narrazione con sequenze veloci ed eccessivamente cariche di pathos, e l’interpretazione della nostrana Isabella Rossellini, esasperata nel ruolo dell’italiana media all’estero, “caciarona” e venale al limite del verosimile.

Ad ogni modo, in un panorama cinematografico dove ai supereroi si alternano eroine femminili sexy e imbellettate, io scelgo un’eroina quotidiana, che al posto del rimmel impugna il suo Mocio, una Cenerentola contemporanea in grado di farla sotto al naso alla crudele matrigna, e alla grande.

Article written by:

Arianna Borgoglio

Giornalista freelance, 26 anni, laureata in Conservazione dei Beni Culturali e in Informazione ed Editoria, coltivo le mie passioni con tenacia e voglia di mettermi in gioco. Tra queste scrittura, letteratura, cinema, storia dell’arte, cucina – intesa come amore per il buon cibo più che predisposizione verso i fornelli! - viaggi, musica e chi più ne ha più ne metta. Nelle mie recensioni sono spietata... q.b., ma non è colpa mia: è che mi disegnano così ;)

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi