Old Movies

M. Butterfly: l’Opera secondo David Cronenberg

M. Butterfly: l’Opera secondo David Cronenberg My rating: 3.5 out of 5

A Milano non si parla d’altro: la sera del 7 dicembre, come ogni anno, si terrà la prima della Scala, con annessa sfilata di vestiti più o meno eleganti e/o improbabili. Nell’attesa di vedere come si conceranno i vip a ‘sto giro – finora resta imbattuta la Santanché autunno/inverno 2015, a cavallo tra il Grinch e un albero di Natale –, concentriamoci sul palcoscenico. Per il 2016 si è optato per un’inaugurazione con Madama Butterfly, celeberrima opera di Puccini. La storia è nota: ufficiale statunitense piuttosto farfallone si invaghisce di ingenua geisha e se la sposa per abbandonarla dopo un mese, naturalmente previa gravidanza. Lei si strugge finché, di fronte all’evidenza dei fatti, si toglie la vita. Meno nota è invece la lettura che ne ha dato il visionario David Cronenberg con M. Butterfly.

teatro

Siamo nel 1964: il diplomatico francese René Gallimard, impersonato dal bel tenebroso Jeremy Irons, si trova a Pechino per lavoro assieme alla moglie (Barbara Sukowa). In quello che è l’equivalente della Scala nel Celeste Impero, assiste, anche lui, alla messa in scena di Madama Butterfly, e resta particolarmente colpito dalla protagonista: una cantante androgina che risponde al nome di Liling Song. La accompagna a casa, poi va a trovarla, poi organizza uscite con lei; il tutto sempre in gran segreto, ché è disdicevole che un ambasciatore e un’autoctona si frequentino, soprattutto se lui è sposato.

love

Nel frattempo, alcuni funzionari tramano alle spalle di René, troppo rigoroso per i loro gusti, e la guerra del Vietnam incombe. Su questo punto il nostro ha delle certezze incrollabili: la Cina sarà più che disponibile a fiancheggiare i francesi nello scontro. Ne è talmente sicuro da confidare il tutto a Song, ormai divenuta la sua ancora di salvezza.

Eppure, niente è come sembra: un bel giorno la sua amata annuncia a René di aspettare un bambino, e quindi di dover tornare in fretta e furia alla casa paterna; l’ambasciatore precipita nello sconforto, si scoprono gli altarini, lui viene dimesso e lei trasferita in un campo di lavoro. Anche la politica assume dei risvolti inaspettati: Mao non è affatto disposto a prendere le parti degli occidentali contro i vietcong, siamo in piena Rivoluzione Culturale, le Guardie Rosse bruciano in piazza i vestiti tipici del teatro classico. Ma questo non è nulla, se paragonato alla scoperta che Liling Song è in realtà una spia del governo cinese e, last but not least, un uomo.

teste

“Nessuno è perfetto”, avrebbe detto Billy Wilder; solo che in questo caso dietro la macchina da presa c’è Cronenberg, e dunque tutto assume dei contorni tragici. Quattro anni dopo, a Song verrà proibito di mettere piede sul suolo francese, mentre René, processato dal patrio tribunale, sarà incarcerato con l’accusa di alto tradimento. E sarà proprio in prigione che riuscirà finalmente a trasformarsi nella sua personale Madama Butterfly e, proprio come lei, a trovare la pace tanto agognata.

lametta

David Cronenberg ha sempre amato giocare con il tema del doppio: lo ha fatto con Videodrome nel 1983, con Inseparabili nel 1988, e vi ritorna nel 1993 con M. Butterflymai una singola lettera fu tanto carica di significati.

Jeremy Irons, eletto in quegli anni a suo attore feticcio, gigioneggia nel personaggio dell’innamorato che idealizza l’oggetto del suo desiderio, incapace di accettare la realtà. John Lone è perfetto nei panni dell’ambiguo concubino, in bilico tra la passione e il freddo calcolo.

cinese

A fare da cornice, i turbolenti fatti storici di quel periodo, raccontati sia da Est che da Ovest. In M. Butterfly, Oriente ed Occidente si specchiano l’uno nell’altro e si scambiano i ruoli dell’opera originaria: René ammette apertamente di essere gratificato dal senso di sottomissione che Song prova per lui, ma in verità è l’amante dagli occhi a mandorla a manipolarlo e a consumarlo. “Nulla è come sembra”, sembra dirci Cronenberg in modo magistrale; ma anche, e soprattutto, “tutto può sembrare ciò che tu vuoi che sia”.

Nota di colore per tutti coloro che accusano M. Butterfly di mancanza di realismo: il film è basato su una pièce di David Henry Hwang. Che, a sua volta, è tratta da una storia vera.

Article written by:

Avatar

Classe 1990, internazionalista di professione e giornalista per passione, si laurea nel 2014 saltellando tra Pavia, Pechino e Bordeaux, dove impara ad affrontare ombre e nebbia, temperature tropicali e acquazzoni improvvisi. Ama l'arte, i viaggi, la letteratura, l'arte e guess what?, il cinema; si diletta di fotografia, e per dirla con Steve McCurry vorrebbe riuscire ad essere "part of the conversation".

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi