Old Movies

Mio zio: Jacques Tati, le fontane a forma di pesce e la voglia di libertà

Mio zio: Jacques Tati, le fontane a forma di pesce e la voglia di libertà My rating: 4 out of 5

Qualche tempo fa la mia estate è stata allietata da Parigi a piedi nudi, adorabile film che sembra francese ma i cui genitori sono in realtà l’uno belga e l’altra canadese, e che mi ha riportato alla mente Jacques Tati: pochissime parole, tanto mimo, tantissime gag. Ebbene, a questo punto diviene d’obbligo darsi un tono e parlare del suo capolavoro più famoso, Mio zio, del lontano 1958 e restaurato nel 2016: film che gli è valso il Festival di Cannes, l’Oscar per il miglior film straniero e la preferenza assoluta da parte di uno come David Lynch – e sembra paradossale, ma in effetti certi tempi dilatati e certe situazioni così surreali da risultare sinistramente comiche non si possono non ritrovare in Twin Peaks.

Ma procediamo con ordine: Gérard Arpel è un bambino che vive con i genitori nella zona residenziale e futuristica di una non meglio definita città, di quelle che fanno tornare alla mente lo sconcerto di Nanni Moretti quando finisce nelle periferie bene di Roma; al contrario lo zio materno, che altri non è il celebre Monsieur Hulot/Jacques Tati, sta nella parte più antica e autentica, dove esistono ancora i bar, i mercati rionali e le case su più piani, e appena può si porta la creatura in giro per qualche scampagnata, non sempre troppo lecita. Gérard naturalmente approva, i genitori un po’ meno, meno che mai il padre, perfetto stereotipo del borghese calvo e panciuto, il quale spera di ingabbiare il cognato nella sua azienda, accasarlo e farlo rientrare nei ranghi. Non vi dico come va a finire, ma beh, evviva la libertà, quantomeno al cinema.

Mio zio vi farà venire voglia di licenziarvi, mollare tutto e passare il tempo a irridere l’esercito di gente che ogni mattina si infila giacca e cravatta, si inabissa nel traffico, molla il figlio a una grigissima scuola, approda a una ancor più grigia fabbrica, e infine rientra in una terrificante villetta che, indovinate un po’?, colorata non lo è di certo. Il film è tutto giocato sul contrasto tra come ci vorrebbe la società – rasati, inamidati e ubbidienti -, e come invece bisognerebbe essere: non rivoluzionari, più semplicemente spensierati.

Nel mezzo, scene clownesche esilaranti, che un po’ richiamano i fratelli Marx e un po’ ispireranno Peter Sellers, e la straripante fisicità di Jacques Tati: le scene dei barattoli in cucina e dei tubi in fabbrica sono da manuale. In una casa dove tutto è di plastica, persino i fiori portati dagli ospiti più illustri, per i quali viene attivata una discutibile fontana a forma di pesce, mangiarsi una frittella unta e zuccherosa al chiosco in periferia diviene un atto libero e proibito.

Per fortuna che ad allietare Gérard ci sono il già citato Monsieur Hulot, quasi un eroe moderno, e il bassotto di casa: pure lui imbrigliato in un cappottino scozzese, ma che appena può si lancia nelle peggiori scorribande insieme ai suoi amici randagi: sporchi, brutti e cattivi, ma hanno proprio l’aria di divertirsi di più. Ecco, Mio zio ci insegna questo: va bene vestirsi, pettinarsi, andare al lavoro e fare tutto quello che gli altri si aspettano, ma non dimenticate di lanciare un fischio, osservare la gente andare a sbattere contro un lampione e farvi una grassa, grassissima risata. Almeno ogni tanto.

Article written by:

Avatar

Classe 1990, internazionalista di professione e giornalista per passione, si laurea nel 2014 saltellando tra Pavia, Pechino e Bordeaux, dove impara ad affrontare ombre e nebbia, temperature tropicali e acquazzoni improvvisi. Ama l'arte, i viaggi, la letteratura, l'arte e guess what?, il cinema; si diletta di fotografia, e per dirla con Steve McCurry vorrebbe riuscire ad essere "part of the conversation".

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi