Old Movies

New York Stories, o di quanto è bello essere topi di città

New York Stories, o di quanto è bello essere topi di città My rating: 3 out of 5

Premessa: se siete amanti della campagna, della rilassata (alias agghiacciante) vita di provincia, del verde e della natura, questo film non fa per voi. Stiamo parlando infatti di un’ode alla metropoli, New York per la precisione.

New York Stories è un film del 1989 che vede alla regia tre diversi colossi: Martin Scorsese per il primo episodio, Francis Ford Coppola per il secondo, e il newyorkesissimo Woody Allen per l’ultimo. Tre modi diversi per stile e contenuti di raccontarla, ma soprattutto tre dichiarazioni d’amore per LA città.

Partiamo dal primo, che è anche il più riuscito: in Lezioni di Vita Scorsese mette in scena un Nick Nolte artistoide, borioso e squinternato, e la sua complicata relazione con l’assistente-modella – che alla fine lo lascerà, perché stare con un Bukowski è divertente solo per il primo quarto d’ora. Queste lezioni sono perlopiù girate in interni, e che interni: uno studio di un pittore che fa subito Greenwich Village, gallerie targate Chelsea e appartamenti che fanno capire su cosa si è basato Tom Wolfe per scrivere Radical Chic. La trama è piuttosto ininfluente, come per gli altri due episodi del resto, e quello che conta sono le inquadrature: sembra di stare a due passi da Pollock nei suoi migliori momenti creativi, e di essere assorbiti dalla sua stessa creatività.

tumblr_inline_nfeu58kcbN1qafciz

Non si può dire lo stesso per La vita senza Zoe, ed è un peccato perché da Coppola ci si poteva aspettare molto di più: una bambina figlia di genitori ricchissimi e divorziatissimi (abbastanza simpatico il padre-musicista Giancarlo Giannini) si adopera, insieme ad aiutanti improbabili, per ricrearsi la sua insopportabile famigliola da Mulino Bianco. Il tutto è condito da luci fiabesche e scenari esotici che rendono il corto ancora più simile a un’insulsa storiella per pargoli; in sostanza, più Park Avenue e meno Estremo Oriente sarebbero stati apprezzati, dato il tema complessivo dell’opera.

tumblr_mfy8scI1Is1qc9pwoo1_500

Ancora diverso l’Edipo relitto di Woody Allen, praticamente un autoritratto del newyorkese più nevrotico sulla piazza: avvocato naturalmente ebreo è oppresso dalla madre Mae Questel, questa a una certa muore ma continua a perseguitarlo dall’alto dei cieli e a voler interferire con la sua vita privata, che nello specifico equivale a Mia Farrow. Meno efficace del primo episodio, ma comunque spassosissimo, oltre che il più devoto nei confronti della Grande Mela – stiamo parlando del più cittadino dei registi americani, del resto.

new-york-stories

Tutti e tre i capitoli sono pervasi da un sapore nostalgico, non solo perché il tutto è stato girato in un decennio d’oro per l’America in generale e New York in particolare, ma perché è così che i tre registi vedono la loro città: impossibile ma indiscutibilmente affascinante come un amante che aspira nemmeno lui sa bene a cosa, affermata come un musicista di fama mondiale ma capace di stupire e di stupirsi come una bambina, invadente e al contempo adorabile come una mamma anzianotta.
Cominciate a risparmiare, perché se ve lo vedete poi la prenotazione di un biglietto di sola andata scatterà in automatico.

Article written by:

Avatar

Classe 1990, internazionalista di professione e giornalista per passione, si laurea nel 2014 saltellando tra Pavia, Pechino e Bordeaux, dove impara ad affrontare ombre e nebbia, temperature tropicali e acquazzoni improvvisi. Ama l'arte, i viaggi, la letteratura, l'arte e guess what?, il cinema; si diletta di fotografia, e per dirla con Steve McCurry vorrebbe riuscire ad essere "part of the conversation".

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi