Old Movies

Operazione Sottoveste: Blake Edwards, Cary Grant e Tony Curtis in un sottomarino tutto rosa

Operazione Sottoveste: Blake Edwards, Cary Grant e Tony Curtis in un sottomarino tutto rosa My rating: 4.5 out of 5

Avete voglia di un super classico, ma anche di una cosa disimpegnata, gustosa, in una parola divertente? Allora prendete fiato e immergetevi in compagnia nientemeno che di Cary Grant e Tony Curtis in Operazione Sottoveste.

Basterebbero i due di cui sopra, che a distanza di decenni riescono ancora a far tremare le gambe alle spettatrici grazie ai loro bei faccini e alle battute fulminanti, a fare di questo film una pietra miliare; aggiungete che alla regia c’è Blake Edwards e che a un certo punto un virilissimo sottomarino diventa rosa, e Operazione Sottoveste entrerà a pieno titolo nel vostro personale Olimpo del cinema. Protagonista del film è proprio un sommergibile americano: una gloriosa macchina da guerra che nei primi Anni Quaranta viene bombardata e seriamente danneggiata dall’aviazione nemica. Ma il comandante, un Cary Grant più elegante che mai nella divisa della marina, non si dà per vinto, e decide di rattoppare la sua creatura con dei mezzi di fortuna per continuare a farle giocare un ruolo di primo piano nel Pacifico. Suo malgrado, a fargli da braccio destro c’è il tenente Holden: gli occhioni del bel Tony Curtis sono forse più adatti a “tenere le relazioni con Hollywood” che all’arte bellica, ma i due non hanno scelta. Il rigore marziale e ormai fuori tempo massimo del primo e i metodi poco ortodossi ma decisamente efficaci del secondo riusciranno, contro ogni previsione, a riportare il Sea Tiger agli antichi fasti, o quantomeno a non farlo andare a fondo.

Operazione Sottoveste è stato girato nel 1959, e di quel periodo ricorda tutto: la raffinatezza dei protagonisti, anche quando il contesto è pervaso di doppi sensi; l’incipiente ironia verso la guerra e la propaganda connessa che solo qualche anno prima imperversava in tutte le case d’America; gli stereotipi sul Sud Est Asiatico, oggi sembrano quantomai scorretti e proprio per questo esilaranti.

L’umorismo di Blake Edwards non risparmia nessuno: né il comandante, un aspirante Churchill che si ritrova a dirigere un circo itinerante; né i marinai, perfetti stereotipi dei lupi di mare, sì, ma pure un po’ bambocci; né il fascinoso tenente, determinato a sposare una donna ricca salvo poi cadere nelle braccia di una bella crocerossina; né, last but not least, il nutrito corpo di ufficiali in gonnella, ben lontane dal volersi comportare come il sedicente sesso forte, anzi. Tra reggiseni usati per rattoppare i motori, siluri sparati per sbaglio, partorienti e caprette caricate a bordo e verniciature di fortuna, Operazione Sottoveste non vi darà un attimo di respiro: perché non riuscirete a smettere di ridere, nemmeno per un minuto.

Article written by:

Classe 1990, internazionalista di professione e giornalista per passione, si laurea nel 2014 saltellando tra Pavia, Pechino e Bordeaux, dove impara ad affrontare ombre e nebbia, temperature tropicali e acquazzoni improvvisi. Ama l'arte, i viaggi, la letteratura, l'arte e guess what?, il cinema; si diletta di fotografia, e per dirla con Steve McCurry vorrebbe riuscire ad essere "part of the conversation".

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi