Old Movies

Storie pazzesche per raccontare un mondo selvaggio

Storie pazzesche per raccontare un mondo selvaggio My rating: 3.5 out of 5

Premessa: il titolo originale rende meglio – strano, vero? Infatti, sebbene a ‘sto giro i traduttori italiani si siano astenuti dallo stuprare la lingua, Relatos Salvajes ha tutt’altro sapore rispetto al più raffinato, e quindi inevitabilmente più insipido, Storie Pazzesche: sarà la “j” che in spagnolo fa quel bell’effetto di raglio d’asino misto a scatarrata, saranno le “s” che si rincorrono l’una con l’altra, fatto sta che l’originale rende benissimo la crudezza di questo spietato e divertentissimo film.

Ma andiamo con ordine. Relatos Salvajes, o Storie Pazzesche se proprio non potete farne a meno, è un film a episodi, e sono uno più cattivo dell’altro. Il primo, che già non brilla per umanità, è un inno alla gioia e all’amore fraterno rispetto al resto: uno psicopatico arrabbiato con la vita riunisce tutti quelli che lo hanno fatto soffrire su un aereo, dall’ex fidanzata al professore saccente al critico un po’ troppo critico, e decide di dirottarlo sulla casa dei suoi genitori, causa prima dei suoi fallimenti.

Seguono un gangster che si ritrova per caso a cenare nel diner dove la figlia di una delle sue vittime lavora come cameriera, il peggior stereotipo di ingegnere che decide di vendicarsi di multe e più in generale delle ingiustizie sociali ma la cui nobiltà d’animo verrà compresa solo in prigione, un incidente d’auto che tira fuori il lato più meschino dei protagonisti.

relatos

E poi, le due puntate migliori: due automobilisti si rincorrono in quello che è un evidente omaggio a Spielberg e al suo Duel in un’escalation di violenza che culmina nel più inaspettato e indesiderato degli abbracci, e una sposa scopre i retroscena della sua vita perfetta nel giorno del matrimonio e decide di renderlo davvero memorabile.

L’argentino Damián Szifron non fa mistero di coloro a cui si è ispirato: gli schizzi di sangue e la violenza pulp e fine a se stessa sono di chiara matrice tarantiniana, mentre ambientazioni sudamericane e riflessioni sulla miseria umana arrivano direttamente da Almodóvar, che è anche il produttore del film. Se a questo aggiungete una spruzzata di kitsch q.b., una dose abbondante di cinismo e humour nero a secchiate, ecco che otterrete due ore di risate allo stesso tempo sguaiate e molto, molto amare.

Non per nulla nei titoli di testa i personaggi vengono accostati ad animali della jungla: e difatti il regista sembra volerci far ricordare le interrogazioni di filosofia e cose come “homo homini lupus” del buon Hobbes. C’è un rigurgito di speranza solo negli ultimi minuti dell’ultimo episodio: ma a ben vedere, forse con quella scena Szifron voleva soltanto ribadire che l’uomo altro non è che una bestia, e che pertanto agisce solo secondo istinti ferini e imprevedibili.

Article written by:

Avatar

Classe 1990, internazionalista di professione e giornalista per passione, si laurea nel 2014 saltellando tra Pavia, Pechino e Bordeaux, dove impara ad affrontare ombre e nebbia, temperature tropicali e acquazzoni improvvisi. Ama l'arte, i viaggi, la letteratura, l'arte e guess what?, il cinema; si diletta di fotografia, e per dirla con Steve McCurry vorrebbe riuscire ad essere "part of the conversation".

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi