Old Movies

The Skeleton Key: tra jazz e magia nera, quanto è gotica New Orleans

The Skeleton Key: tra jazz e magia nera, quanto è gotica New Orleans My rating: 3 out of 5

Ogni anno, alla fine dell’estate, l’America viene flagellata da qualche uragano. L’ultimo in ordine di tempo è Laura, che sta rendendo frizzantino un periodo di per sé già piacevole e riposante per gli States. Ah, il 2020. Epperò, ve lo ricordate il 2005? All’epoca c’era Katrina, che aveva quasi spazzato via New Orleans. Ecco: proprio nello stesso anno e proprio nella stessa città ha visto la luce The Skeleton Key, firmato Iain Softley. Che per inciso non c’entra nulla con i disaster movie; ma che, in confronto a quello che racconta, farà sembrare le peggiori tempeste una piacevole brezza primaverile.

Come ogni horror che si rispetti, The Skeleton Key mette in scena un grande nome, anzi due: la protagonista è Kate Hudson, e a farle da spalla, o meglio a rubarle la scena troviamo nientemeno che la vecchia gloria Gena Rowlands. Caroline è una giovane infermiera di buon cuore, stanca di vedere i pazienti trattati come un business, e decide così di lasciare l’ospedale per dedicarsi all’assistenza domiciliare. In questo modo potrà dolcemente accompagnare gli anziani nel loro ultimo viaggio, senza preoccuparsi di liberare posti letto e smaltire vecchi effetti personali. Finisce quindi a casa di Violet e Ben (John Hurt): quest’ultimo ha da poco avuto un ictus, non può muoversi né parlare, e ha bisogno di assistenza costante. Certo, la moglie non sembra troppo propensa ad accettare tra le mura domestiche un’estranea che potrebbe essere sua nipote e soprattutto che non è nata né cresciuta a New Orleans, ma grazie alle lusinghe del suo giovane avvocato e consulente Luke (John Peter Sarsgaard) decide infine di accettare la proposta.

Piccolo particolare: la casa di Violet e Ben è in una laguna isolata dal resto della città, le circostanze in cui Ben si è sentito male sono più che misteriose, e da quelle parti quasi un secolo prima erano successe cose non esattamente piacevoli. Aggiungiamoci che New Orleans è la patria del voodoo e pure dell’hoodoo, una sorta di magia nera che diventa efficace solo quando ci si crede, e il gioco è fatto. Cosa mai potrebbe andare storto?

A metà fra Pupi Avati e la prima, memorabile stagione di True Detective, The Skeleton Key è America pura, nella sua connotazione più morbosa e affascinante: permeato di quell’atmosfera gotica propria degli Stati del Sud, con in sottofondo il jazz e le contraddizioni della Louisiana, non ultima il razzismo, più che un horror è un film di suggestioni. Ma non temete: vi terrà con il fiato sospeso fino alla fine, e vi ritroverete a saltare sulla sedia nei momenti più inaspettati. Anche se, come la sottoscritta, siete ferventi sostenitori della razionalità e normalmente restate tiepidi di fronte alle storie spruzzate di soprannaturale – soprattutto in quel caso.

Kate Hudson sveste finalmente i panni dell’ennesima fidanzatina della porta accanto e regge il gioco fino alla fine, ma la menzione d’onore va a Gena Rowlands, palesemente divertita nel ruolo della vecchia megera con una propensione per l’occulto. Ottime spalle, ottime musiche e soprattutto paesaggi grandiosi: il ritratto della città forse non è veritiero, però è pura poesia. Quasi una cartolina per turisti con una propensione al macabro: in The Skeleton Key trovate esattamente tutto quello che vi aspettate. E, cosa niente affatto scontata, reso alla perfezione.

Article written by:

Avatar

Classe 1990, internazionalista di professione e giornalista per passione, si laurea nel 2014 saltellando tra Pavia, Pechino e Bordeaux, dove impara ad affrontare ombre e nebbia, temperature tropicali e acquazzoni improvvisi. Ama l'arte, i viaggi, la letteratura, l'arte e guess what?, il cinema; si diletta di fotografia, e per dirla con Steve McCurry vorrebbe riuscire ad essere "part of the conversation".

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi