Serie TV

Il Trono di Spade 6×08: la triste e inevitabile necessità di accelerare

Il Trono di Spade 6×08: la triste e inevitabile necessità di accelerare My rating: 3 out of 5

Ben(ri)trovati a tutti gente, so che vi sono mancato quanto le protuberanze falliche maschili mancano a diversi personaggi de Il Trono di Spade (forse un po’ troppi), ma qua nel nostro sito vige questa cosa sopravvalutata che si chiama democrazia (semicit.). Perciò, visto che volete leggervi altri pseudo-quasi-pareri sulle scorse puntate, perché so che volete, potrete trovare qui tutto quello di cui avete bisogno. A parte la felicità. Per quella dovete chiedere a Will Smith.

Direi quindi di buttarci subito in questa ottava puntata, No one per gli anglofoni e per Alicia Keys. Oggi vado forte con le battute eh? Quasi non servono le risate registrate da sit-com. Quindi che squillino le trombe e che trombino le squillo, arrivano i big SPOILERZ a rovinarvi tutto. Andate avanti a vostro rischio e periglio.

il trono di spade 6x08 arya crane

Avevamo lasciato la nostra ninja preferita con l’ennesimo brutto caso di mal di pancia da acciaio, e la ritroviamo proprio da Lady Crane, quella che, indirettamente, le ha causato quel lieve fastidio addominale. Perché obbiettivamente di quello si tratta: Arya si riprende in quattro e quattr’otto da due pugnalate secche nell’intestino e un altro taglio non meglio specificato. Ora, va bene tutto, ma l’attrice è il Dr. House? No perché magari sono io che mi sono perso qualcosina. Lord Gregory of house House. Dai, basta ridere là in fondo, che devo continuare.

Dopo una leggermente disturbante scena di scherzi goliardici su pertugi anali maschili, arriva il buon Mastino ad aprire altri pertugi. Cioè gallerie nelle carni dei malcapitati. Avrà anche perso contro Brienne, ma quando questo è incazzato non lo ferma nessuno. A parte un fiammifero o una candela. Ma non divaghiamo.

il trono di spade 6x08-Tyrion-et-Varys

Infatti eccoci a Meereen, dove l’essersi affidati alla religione del Signore della Luce pare abbia dato i suoi frutti. Ma Il Trono di Spade insegna che non bisogna fidarsi troppo dei fanatici che venerano cose che non vedono, che poi ti giri un secondo e sono spariti tutti i bambini del vicinato. Ah no, quello non succede a Westeros. Vabbè. Assistiamo poi all’addio tra due personaggi amatissimi, che formano una delle coppie meglio riuscite di tutto Il Trono di Spade: Tyrion e Varys. C’è poco da fare, l’alchimia tra i due è davvero perfetta, tanto che al momento dei saluti si vede che entrambi trattengono le emozioni per non mostrare quanto il loro rapporto conti. Peccato, personalmente avrei dato molto più spazio al duo. Ma oh, qua c’è da mettere il piede sull’acceleratore. E infatti Varys parte per il Continente occidentale. Andrà a fare quella cosa lì? Io penso proprio di sì, e sto già ghignando.

il trono di spade 6x08-Cersei-la-montagne

Ma rieccoci ad Approdo dell’Incesto, dove restiamo sempre in tema di fanatismo religioso. Perché incidersi una stella a sette punte sulla fronte è cosa buona e giusta. Cersei per un attimo caccia di nuovo fuori quelle due palle cubiche che ce l’hanno fatta odiare così tanto, e finalmente vediamo la Montagna duepuntozombie in azione. Che è un po’ come assistere a Brasile – Pizzighettone. E poi non dovremmo mica stupirci, se sei impersonato da uno che si chiama Hafþór Júlíus Björnsson la gente si prostra ai tuoi piedi a culo all’aria di base. Comunque dopo quel I choose violence sono partiti un po’ di applausi, devo ammetterlo. E quindi? Quindi niente, l’incubo di Rick e compagnia cantante in The Walking Dead non conta una beata fava, perché il caro Tommen decide che solo i barbari e gli statunitensi possono ancora avvalersi del processo per combattimento. Cersei viene quindi di nuovo messa da parte, come madre, come regina madre, come donna, vabbè avete capito. A sto punto con i sette septon che dovranno giudicarla saranno belini amari. Ah, ora lo chiedo a voi, di sta cosa molto compromettente che Qyburn Mengele ha trovato (presumibilmente sul Gran Passerone) se ne era già parlato o me la sono dimenticata io? Sapete com’è, sono caduto dal seggiolone da piccolo.

il trono di spade 6x08-Brienne-1

Passiamo intanto a Delta delle Acque, dove arrivano anche Brienne e l’uomo che compensa per tutti gli eunuchi della serie: il grande (in tutti i sensi) Pod. Tolto il fantastico siparietto comico tra lui e Bronn, uno dei personaggi secondari migliori di tutto Il Trono di Spade, la donnona incontra il suo amore amorissimo, ma si palesano subito piccoli problemi di politica tra i banchi di Westeros. Brienne non riesce infatti a convincere il Pesce Nero a combattere per sua nipote, costringendo Jaime a minacciare il figlio di Edmure per far sì che egli entri nella fortezza e la consegni ai LannisterFrey. Brynden tenta di diventare l’ammiraglio Ackbar, ma la sua versione di It’s a trap! purtroppo non attecchisce. Risultato: Delta delle Acque persa in una notte, il Pesce Nero morto nella sua stoica cocciutaggine e l’ottimo momento harmony tra Jaime e Brienne. Livello di inutilità di tutta la storyline di Delta delle Acque (per ora): più o meno come l’indiano dei Black Eyed Peas.

il trono di spade 6x08 tyrion

E visto che Il Trono di Spade ci insegna che a Meereen non si può stare mai tranquilli, ecco che una flotta di Padroni Grandi, Saggi e Buoni attacca la città. Peccato, perché Tyrion stava provando a bombarsi Missandei facendola ubriacare, e riuscendo anche a non far sembrare più lei e Verme Grigio due automi apatici. Come quello zio un po’ strano che ti fa bere birra alle cene in famiglia a 13 anni. Niente, al nano non ne va mai bene una. Anche se attendo il suo vino con ansia, visto che sarà assenzio profumato all’uva. Ma a salvare la situazione arriva la nostra Daenerys, che sembra abbia addomesticato Drogon in due puntate. L’avrà aiutata César Millán. Ora, ti prego, brucia tutta sta gente e torna a Westeros, non se ne può più.

il trono di spade 6x08 beric hound

Ma rieccoci nelle Terre dei Fiumi, dove ritornano due gran bei personaggi: Beric Dondarrion e Thoros di Myr. Mentre sono intenti a giustiziare quelli che hanno trucidato il villaggio del Mastino, l’uomo dalla pelle perfetta arriva e li vorrebbe sventrare tutti. In maniera diplomatica la risolvono e si becca solo due calci su tre ai tronchi che li tenevano in vita. Onesto dai. Comunque, il senso l’abbiamo capito tutti: il neo-quasi-buon Sandor si unirà alla Fratellanza senza Vessilli, che aiuterà Jon contro gli Estranei, e magari già contro Ramsay, perché Ned Stark era buono e giusto e bla bla bla il Signore della Luce e il destino e la notte è oscura e piena di terroni. Terrori. Scusate, Salvini si era impossessato di me per un attimo.

il trono di spade 6x08 nessuno

E veniamo al momento clou della puntata: la gara di guardie e ladri a Braavos. Arya, che fino al giorno prima era un colabrodo, riesce a tenere testa all’assassina con la faccia da schiaffi. Non solo, la ammazza perché lei al buio è ancora più ninja di prima. Va bene, ci sta anche, ma dai, con la corsa che ha fatto e i colpi che ha preso le suture sarebbero dovute scoppiare peggio di Chernobyl, altro che ammazzo la tipa, le stacco la faccia, la appendo nel tempio e minaccio Jaqen. Che poi lui, con tutti i suoi pipponi sull’essere nessuno, e il codice degli assassini, e devi abbandonare tutto, e la tipa stronza la doveva uccidere, e Ruby era figlia di Mubarak, la lascia andare così? Volete dirmi che tutto il tempo a Braavos serviva solo per farle imparare un po’ di arti marziali? Che Jaqen ha lasciato perdere tutto il suo codice etico perché sapeva che non l’avrebbe cambiata? Intendiamoci, io adoro Il Trono di Spade, ma in questa puntata sembra proprio che si sia andati avanti in maniera sbrigativa e veloce perché ne mancano due alla fine e bisogna darsi una mossa. Arya che se ne va via in quel modo va contro tutto il personaggio di Jaqen, a meno che lui non abbia detto solo cazzate sul Dio dai Mille Volti e volesse fin dall’inizio aiutare la piccola Stark a tornare a casa per vendicarsi. Ma allora era così sicuro che non sarebbe morta? Bah, a sto punto era meglio la teoria dello sdoppiamento della personalità di Arya (con la discepola di Jaqen che rappresentava la sua parte “nessuno”). Vedremo cosa succederà nelle prossime due, io comunque resto fiducioso.

Perciò l’appuntamento con le nostre recensioni de Il Trono di Spade è di nuovo martedì prossimo. Mi raccomando, non mancate, altrimenti Jesoo piange.

Ah, già che ci siete fate pure un salto su Game of Thrones ITALIA, Le cronache del ghiaccio e del fuoco, Casa Stark – L’inverno sta arrivando, Serie Tv News e Serie tv, la nostra droga!

Article written by:

Edoardo Ferrarese

Folgorato sul Viale del Tramonto da Charles Foster Kane. Bene, ora che vi ho fatto vedere quanto ne so di cinema e vi starò già sulle balle, passiamo alle cagate: classe 1992, fagocito libri da quando sono nato. Con i film il feeling è più recente, ma non posso farne a meno, un po' come con la birra. Scrivere è l'unica cosa che so e amo fare. (Beh, poteva andare peggio. Poteva piovere).

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi