Trailer

Isle of Dogs, il primo trailer: come innamorarsi di Wes Anderson ancora una volta

Isle of Dogs, il primo trailer: come innamorarsi di Wes Anderson ancora una volta My rating: 4 out of 5

È di pochi giorni fa la notizia dell’uscita del primo trailer di Isle of Dogs, l’ultimo film del nostro amato Wes Anderson, e naturalmente una fissata delle simmetrie e dei colori pastello come me non poteva non buttarcisi a pesce.

L’alone di mistero che avvolge l’ultima fatica del regista texano è ancora fitto, ma almeno finalmente scopriamo qualcosina: per esempio, che le vicende saranno ambientate tra vent’anni, ché ormai la distopia va di moda, in Giappone. Per la precisione, che il Giappone sarà in ginocchio a causa della sovrappopolazione canina: cosa che per chiunque di noi sarebbe un problema pucciosissimo e bellissimo, ma non per il feroce dittatore dell’arcipelago, che decide di spedire tutti i nostri amici a quattro zampe in una sorta di isola-discarica per contenere l’emergenza.

Peccato solo che tra i deportati finisca anche Spot, il fidato compagno del figlio del cattivone; va da sé che il ragazzo si catapulterà sull’isola, farà amicizia con gli inquilini e non si darà pace finché non avrà ritrovato il suo amico.

Dai pochi minuti messici a disposizione, Isle of Dogs è, beh, Wes Anderson: o lo si ama o lo si odia, e il sentimento non può cambiare, perché riesce sempre ad essere uguale a se stesso. Simmetrie e colori pastello, dicevamo, ma anche cattivi che sembrano caricature, personaggi adorabili e con l’aria lievemente depressa – la ragazza con una testa di ricci biondi e un principio di varicella non può non ricordare, per joie de vivre, Margot Tenenbaumdesideri di libertà e sorrisi amari.

E ovviamente il cast: perché se è vero che Isle of Dogs è girato in stop motion, quasi dieci anni dopo il meraviglioso Fantastic Mr. Fox, i doppiatori rimangono gli attori-feticcio di Anderson: Bill Murray, ça va sans dire, Tilda Swinton, Frances McDormand, ma anche Harvey Keitel, Edward Norton, Bryan Cranston e Scarlett Johanson.

Ultima chicca: pare che Wes Anderson abbia citato nientepopodimenoché Akira Kurosawa come fonte di ispirazione.

Negli Stati Uniti l’uscita di Isle of Dogs è prevista per il 23 marzo 2018. Indovinate? In Italia ancora non è dato saperlo. A questo punto, due sono le possibilità: sfruttare la coincidenza del mio compleanno e farmi portare al cinema a New York, oppure infilarmi in qualche sala d’essai da cinque posti e sperare di vedermelo in tempi ragionevoli. Perché a prima vista sembra proprio che il nostro Wes non ci abbia deluso, nemmeno questa volta.

Article written by:

Avatar

Classe 1990, internazionalista di professione e giornalista per passione, si laurea nel 2014 saltellando tra Pavia, Pechino e Bordeaux, dove impara ad affrontare ombre e nebbia, temperature tropicali e acquazzoni improvvisi. Ama l'arte, i viaggi, la letteratura, l'arte e guess what?, il cinema; si diletta di fotografia, e per dirla con Steve McCurry vorrebbe riuscire ad essere "part of the conversation".

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi